Cascate di Fanes

Spettacolare escursione nella bellissima zona dei canyon e delle cascate del Parco naturale delle Dolomiti Ampezzane.

Percorso

6.1 km

Durata

3-4 h

Dislivello

406 m

Altitudine

1541 m

Con l’auto percorrere la strada statale in direzione di Dobbiaco. Superato l’hotel Fiames, dopo circa 800 mt, imbocchiamo sulla sinistra la stretta stradina di entrata al Parco Naturale delle Dolomiti d’Ampezzo.

La stradina è interrotta dopo 500 mt da una sbarra in prossimità dell’ufficio del parco. Parcheggiata l’auto, proseguiamo a piedi lungo la stradina asfaltata per circa 1,5 km, fino ad un ponticello sopra ad una bella piscina naturale creata dal Rio Fanes; siamo nella zona di Pian de Loa.

Di qui si prosegue su sterrato iniziando la salita verso le Cascate di Fanes. In circa 30 minuti, con alcuni tratti piuttosto ripidi, si raggiunge Ponte Outo (1380 mt) sulla forra del Rio Travenanzes.

Poco oltre sulla destra scorgiamo alcune panchine; indossato il kit Ferrata, comincia quindi l’esplorazione delle cascate e dei canyon su un percorso attrezzato ad anello che vi riporterà al punto di partenza.

La confluenza delle valli di Fanes e Travenanzes verso la conca di Pian de Loa racchiude una delle più spettacolari bellezze naturali del Parco; la successione di alte cascate e profonde forre che i corsi d’acqua seguono per coprire i dislivelli lasciati dalle glaciazioni, sono unici nel loro genere nelle Dolomiti.

Il percorso attrezzato è adatto a tutti, tuttavia si percorrono tratti esposti quindi non è idoneo a coloro che soffrano di vertigini. Il cavo di sicurezza accompagna su un comodo ma esposto sentiero in piano che ci porta al cospetto della prima delle cascate basse sul Rio Fanes, superata la cascata passandole dietro, il sentiero scende con un breve tratto da arrampicare su roccia in discesa attrezzata con comodi gradini in ferro.

Raggiunto il fondo del canyon si può ammirare dal basso la seconda e più alta cascata per poi passare sul lato opposto del torrente superando un ponticello in ferro, di qui si torna al punto di partenza percorrendo una bella cengia esposta perfettamente attrezzata.

Il ritorno avviene lungo lo stesso itinerario dell’andata.

Trasporti
È possibile raggiunger Fiames anche con l’autobus urbano.
L’avvicinamento al punto di partenza della ferrata può essere effettuato anche con la bicicletta elettrica.

Punti di Ristoro:
Spiaggia Verde: Tel. 349 599 4229

Periodo consigliato:

Da maggio a ottobre

Abbigliamento consigliato:

Imbragatura, cordino completo di moschettoni e dissipatore, casco e guanti. Zaino per trasportare l’attrezzatura, i viveri e il ricambio di vestiti. Scarponcino da montagna, giacca da pioggia e borraccia.

Età minima consigliata:

14 anni

Caratteristiche percorso:

Family friendly

Pericoli:

Verificare le condizioni meteo; meglio rinunciare in caso di possibili piogge.

Esposizione:

Alta

Lontananza:

Media

Altre ferrate:

ferrata-ra-bujela-ra-pegna
medio

Ra Pegna e Ra Bujela

Accessibili dallo stesso punto, sono due ferrate diverse, una per ciascuno dei torrioni che fanno da contorno al mitico Shuss delle Tofane.

ferrata-kaiserjäger-2
facile

Kaiserjäger e Gallerie Lagazuoi

Salita al Monte Lagazuoi lungo il percorso di approvvigionamento delle truppe austriache; discesa nella galleria scavata dalle truppe italiane.

ferrata-ra-gusela-3
facile

Ra Gusela

Facile e spettacolare via ferrata con salita dai pascoli erbosi del passo Giau fino al paesaggio lunare della Gusela, per finire sulla terrazza panoramica del monte Nuvolau.

Cosa offriamo:

Il kit è composto da imbragatura, cordino con dissipatore, moschettoni e dal casco. I vari componenti possono essere noleggiati anche separatamente.

1/2 g.

15 €

1 g.

20 €

2 gg.

35 €

3 gg.

44 €

4 gg.

52 €

5 gg.

57 €

6 gg.

61 €

+1 g.

4 €

Livelli di difficoltà

Facile: Percorso attrezzato con esposizione contenuta e lunghi tratti di cammino. Ottime protezioni fisse che consistono principalmente in funi metalliche utilizzate per aumentare la sicurezza.

Medio: Via ferrata breve con bassa esposizione. L’itinerario include generalmente colatoi, camini, brevi tratti verticali dove catene, funi, staffe e scale aiutano la progressione.

Difficile: Via ferrata di media lunga durata che richiede buona condizione fisica e competenze tecniche. Spesso l’itinerario è verticale e si possono incontrare tratti in strapiombo. Attrezzatura presente: funi, catene, staffe e scale.

Intenso: L’itinerario presenta esposizione e sequenze tecniche in serie. Serve ottima forma fisica e competenza tecnica. L’itinerario è principalmente verticale.

Estremo: L’itinerario presenta molti tratti esposti, sequenze dove serve tecnica di progressione. Per aumentarne le difficoltà sono ridotti al minimo gli infissi artificiali. Sono richieste ottime competenze tecniche e allenamento.

Attenzione!

Snow Service non organizza escursioni né offre servizi di guida o accompagnatore.
Ci limitiamo a suggerire gli itinerari più semplici e sicuri che si possono godere con i nostri prodotti.